Novità impianti a fune

Rilancio con seggiovia high tech

La seggiovia ammorsabile a sei posti "Rossalm" della Leitner realizza un valido ed agevole collegamento tra il Monte Fana e La Plose. Con più potenza, più comfort e più sicurezza.

Negli anni '60 vennero aperti al pubblico sul Monte Plose presso Bressanone nella Valle Isarco/Alto Adige due comprensori sciistici separati, uno sul Monte Plose vero e proprio, l'altro -diviso dal primo- sul Monte Fana. La coesistenza delle due aree sciistiche è stata caratterizzata sino a metà degli anni '80 da un'agguerrita competizione, sino a quando non si decise di por fine alla lotta di concorrenza e di collegare i due comprensori con una funivia: fu così che nel 1985 vide la luce la seggiovia triposto ad ammorsamento fisso "Rossalm – Monte Fana“.

All'epoca si optò per un impianto ad ammorsamento fisso soprattutto per motivi finanziari, una decisione che in seguito tuttavia si sarebbe rivelata sbagliata. Agli occhi degli sciatori infatti l'impianto non assolveva realmente al compito di collegare le due aree sciistiche, come si evince chiaramente dal numero di persone trasportate: mentre nell'inverno 2009/2010 sulla Plose si sono contati ca. 215.000 visitatori, sul Monte Fana erano solo 38.000, con una portata pari alla metà di quella della Plose.

Le ragioni di tali volumi, quanto mai indicativi, sono state identificate nella durata della salita della seggiovia triposto, relativamente lunga, e nella posizione particolarmente esposta della stazione a monte a 2.500 m s.l.m. La soluzione è stata individuata nella sostituzione di questo impianto, inadeguato, con una moderna seggiovia a sei posti ad agganciamento automatico carenata e munita di confortevoli sedili imbottiti: ad una velocità nominale di 5,0 m/s ha una portata oraria di 1.800 pers./h ed è all'origine di un vivace aumento del numero di visitatori sul Monte Fana. La nuova seggiovia porta da Ploseboden sino a 2.505 m di quota. Con un tempo di percorrenza di solo 3,4 minuti rispetto ai quasi nove minuti di prima, realizza un collegamento ottimale tra La Plose ed il Monte Fana.

Il nuovo impianto della Leitner è stato realizzato a tempo di record in soli tre mesi e mezzo. Solo l'esemplare collaborazione delle società coinvolte nella realizzazione e dei dipendenti della Plose Ski AG ha reso possibile questa incredibile performance, considerando inoltre che le condizioni meteorologiche non sempre sono state clementi. Autore del progetto della seggiovia coperta è lo Studio Montecno; fondamentale la partecipazione della società di costruzioni Rabensteiner Bau GmbH ai lavori edili; le installazioni elettriche sono firmate P. I. Sergio Zani, la Dolomiti Montaggi è stata responsabile dei montaggi e la casa di scavatrici P.Goller degli scavi; è infine di Paul Frener il magazzino di rimessaggio separato presso la stazione a valle.

Il risanamento delle piste accompagna il lancio della nuova seggiovia

Il Monte Fana in realtà offriva agli ospiti invernali pendii particolarmente belli ed estesi, da anni considerati da molti sciatori un segreto per intenditori, ma l'accessibilità ed il livello delle piste lasciavano a desiderare. Ora, oltre alla sostituzione della vecchia seggiovia triposto con la nuova seggiovia Rossalmbahn, molte piste sono state risanate, con varianti facili, di media difficoltà e piste nere distribuite in tutto il comprensorio del Monte Fana.

Dati tecnici

Seggiovia esaposto "Rossalm" (agganciamento automatico, carenata, sedili imbottiti)

Lunghezza inclinata 1.140 m

Dislivello 317 m

Velocità 5,0 m/s

Tempo di percorrenza 3,4 min

Portata oraria 1.800 pers./h

Stazione a monte della "Rossalmbahn"; Foto: Leitner

NSAA National Convention & Tradeshow

Leggi tutto

“Ropeways – Motion and Emotion” is the motto of the 11th International OITAF Congress to be held in Bolzano on 6 - 9 June, 2017.

Leggi tutto

The award for outstanding architecture on the mountain!

Leggi tutto

TechnoAlpin, azienda fondata nel 1990 a Bolzano (Italia) ed attore principale del mercato dell’innevamento programmato, presenza importante in...

Leggi tutto

Si è svolto dal 24 al 27 ottobre 2011 a Rio de Janeiro il X congresso dei trasporti a fune dell'Organizzazione Internazionale Trasporti a Fune...

Leggi tutto

Il progetto ”Clean Motion“ indica l’impegno della Prinoth nella preparazione di piste perfettamente pulite nel pieno rispetto dell’ambiente.

Leggi tutto

19.500 visitatori provenienti da tutti i continenti
Grande aumento dei visitatori provenienti della Francia, Scandinavia, dell’Asia, della Russia,...

Leggi tutto

Solitec®: questo il nome della nuova generazione di funi a trefoli tondi della Teufelberger

Leggi tutto

Doppelmayr sul tetto d’Europa: Appalto da 105 milioni di euro aggiudicato alla ditta altoatesina

Leggi tutto

La nuova versione del software di comando ATASSplus della TechnoAlpin fissa nuovi standard

Leggi tutto

Le novità Johnson Controls all'Interalpin

Leggi tutto

Il gruppo Leitner continua a crescere ed occupa ca. 2.800 dipendenti su scala mondiale

Leggi tutto

Con il suo stabilimento per la fabbricazione di funi nella città francese di Bourg-en-Bresse, la società ArcelorMittal si attesta quale uno dei...

Leggi tutto

PistenBully alla Interalpin: da tecnologie d'avanguardia ad un usato eccellente

Leggi tutto

Il professionista degli snowpark firmato Prinoth difende con successo la sua reputazione

Leggi tutto

Abbonamento & Informazioni media